Venerdì scorso, Gioconomicon ha pubblicato un'ampia recensione di Rhein River Trader, a cura di Francesco Maltoni.

 

Ne pubblichiamo il passaggio più significativo, in cui l'autore spiega le meccaniche e le regole del gioco. rimandando all'articolo originale per leggere la recensione nella sua interezza.

 

A dispetto dello chassis non propriamente comodo – unico vano centrale, in cui carte e pedine finiscono per mescolarsi facilmente - il numero ristretto dei materiali presenti, e la loro intuitività rende il setup davvero rapido.  Sarà necessario trovare un’area di gioco abbastanza estesa, dal momento che, oltre al tabellone, andranno distribuite sul tavolo le schede dei mezzi di trasporto pubblici, con i relativi segnalini di prenotazione, mentre a ciascun giocatore saranno assegnati cubetti più schede e tessere furgone. Ogni partita a Rhein River Trade si svolge in un numero programmato di turni, che dipende dalla quantità di giocatori coinvolti: se i partecipanti saranno 2 o 3, i turni di gioco dovranno essere 10, mentre scenderanno a 8 per 4 giocatori e 7 con 5 partecipanti. Indipendentemente dagli avversari, ciascun turno sarà composto di sei fasi standard, che andranno completate da ciascun giocatore prima di passare alla successiva. Ogni volta che una di queste sarà conclusa, si dovrà spostare l’apposito indicatore sul tabellone per tenere conto dei vari passaggi e delle azioni disponibili. Si parte dalla prima fase, quella di acquisizione degli ordini, in cui sugli spazi a margine del tabellone vengono rivelate tante carte quanti sono i giocatori più 2 (come indicato molto chiaramente sulla plancia).

 

In ordine inverso rispetto alla propria posizione sul tracciato del capitale – o punteggio – ogni giocatore potrà prelevare una carta ordine, piazzandovi sopra il numero di segnalini tempo indicati. Si procede così, in crescendo sempre in base al proprio valore “economico”. Farà eccezione il primo round, quando tutti i giocatori partiranno dalla casella numero 20 e, dunque, saranno chiamati a una vera e propria asta sulle carte ordine, al fine di stabilire la successione di gioco per le fasi seguenti.. Una volta che tutti i giocatori avranno piazzato davanti a sé il proprio ordine, si passerà alla seconda fase: caricare merci. Si tratta del momento chiave del gioco: quando, cioè disporremo i cubetti a nostra disposizione sulle caselle libere dei vari mezzi di trasporto, al costo di un punto per container. È importante notare come alcune caselle sulle schede contengano anzitutto numeri neri e, poi, bianchi: si tratta, rispettivamente, del carico minimo al di sotto di cui il vettore resterà fermo, e il massimo di merci caricabili per un viaggio. Regola fondamentale per il caricamento dei container è che il veicolo prescelto si trovi nella stessa città in cui si trovano i container. Ecco perché, quando disponiamo cubetti dalla nostra riserva direttamente su un mezzo non ancora partito, la cui pedina si trovi ancora sopra la scheda che stiamo caricando, dobbiamo ritenere che lo stesso si trovi alla città numero 0 del corso del Reno, cioè a Basilea. Fondamentale, dunque, pianificare accuratamente lo spostamento dei mezzi attraverso la successiva fase di gioco, ossia quella della prenotazione degli scali.

 

Partendo sempre dal giocatore più “povero”, si dovranno prelevare gli appositi segnalini dalle schede dei mezzi caricati di container, per piazzarli sulle città di destinazione in cui intendiamo consegnare la merce. Ogni prenotazione, a seconda del mezzo, avrà un costo diverso e sarà possibile acquistare più fermate nello stesso turno, sempre avendo il capitale necessario. Gli unici divieti in questo senso riguardano la città in cui il mezzo si venga a trovare dal turno precedente - cioè non è ammesso prenotare il punto di partenza - e i mezzi in cui il giocatore non abbia caricato cubetti. Il sistema delle prenotazioni vale per tutti i mezzi, eccetto i furgoni, che essendo di proprietà dell’azienda – ossia del giocatore – non chiedono di riservare le fermate. Veniamo, così, alla quarta fase, quella di movimento dei mezzi sulla mappa. Tutti i mezzi a Basilea, carichi oltre il numero minimo e prenotati per almeno una fermata dovranno spostarsi lungo il tabellone, partendo da quello con iniziativa inferiore. Dunque, si alzeranno prima gli aerei, poi toccherà ai treni, alle navi e, infine, ai furgoni. Ciascuno si sposterà di tante caselle – ossia, città – come indicato dal suo valore di velocità, ma non potrà comunque andare al di là del numero massimo di scali consentiti. Per esempio, se l’aereo bianco partendo da Basilea avrà una prenotazione a Francoforte, numero 5, terminerà lì il suo movimento, pur avendo 9 come velocità. Quando un mezzo giungerà a destinazione, il giocatore o i giocatori che hanno caricato i cubetti potranno scaricarli sulla città di sosta. Lo spostamento finale dei furgoni è utile a questo proposito: i camion, infatti, non necessitano di una stazione di partenza, ma possono apparire in qualsiasi punto sulla mappa e, in questo modo, “trasbordare” i container da una città a un’altra entro il proprio raggio di spostamento. Una volta che tutti i mezzi prenotati avranno terminato di avanzare, si aprirà la quinta fase del turno, quella di evasione degli ordini: tutti coloro che avranno scaricato i cubetti del proprio colore su una delle città, potranno incassare il bonus indicato sulla relativa carta ordine, trasformandolo in punti. Arriviamo così alla sesta e ultima fase, in cui verrà rimosso un gettone tempo da tutti gli ordini non evasi, mentre i mezzi sul tabellone scarichi e privi di prenotazione faranno rientro a Basilea, cioè sulla rispettiva scheda; ogni container invenduto rimasto sulla plancia costerà un punto al proprietario come stoccaggio. In ogni caso, sarà vietato andare al di sotto dello 0 nell’indicatore di capitale: ragion per cui, gli autori hanno previsto la possibilità di ipotecare i furgoni per ottenere in cambio denaro. I turni si susseguono così fino al conteggio finale, in cui verrà decretato il vincitore in base al punteggio raggiunto. Il numero di obiettivi soddisfatti verrà considerato solo in caso di pareggio.

AddThis Social Bookmark Button
English (UK)italiano
Copyright © 2017 Giochi da tavolo. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.